Questo sito utilizza cookies per gestire autenticazione, navigazione e altre funzioni.
Navigando questo sito ti dichiari favorevole all utilizzo di questi cookies sul tuo dispositivo.
Accetti i Cookies?

La mostra Siam come le lucciole richiesta dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Biella

Una società sempre più sensibile ai risparmi energetici con l’utilizzo di fonti di energia rinnovabile quali sole, mare, vento e calore della Terra, ovvero a quelle fonti il cui utilizzo attuale non ne pregiudichi la disponibilità nel futuro e non delimitino un tempo d’esaurimento. È da questo presupposto che nasce il progetto Siam come le Lucciole, collocato all'interno dell'inziativa Rocca delle Macìe: Arta, cultura e sostenibilità ambientale. Nell'anno proclamato dall'Onu Anno Internazionale della Luce (IYL 2015), la mostra so propone di indagare la poetica di alcuni artisti che, attraverso l’utilizzo della pittura luminescente, utilizzano la luce come espressione artistica e come messaggio per sensibilizzare l’attenzione sull’utilizzo e risparmio della Luce. Una tematica che ben si allinea con l'avvento del periodo natalizio, nel quale la Luce assume un significato simbolico speciale di una rinascita spirituale capace di illuminare le vite di tutti e di proiettare percorsi nuovi nella Storia. In questa ottica, si è pensato di inserire la mostra Siam come le lucciole all'interno della rassegna In Luce, grazie alla collaborazione fra due istituzioni, la Città di Biella con il Museo del Territorio Biellese e la Fondazione Cassa di Risparmio di Biella con la sede espositiva di Palazzo Gromo Losa al Piazzo, a cura dell’associazione culturale BI-BOx Art Space

Questo modo di fare arte provoca un ribaltamento totale della pittura “tradizionale” e sconvolge i canoni mentali dello spettatore di fronte a un dipinto: il buio normalmente annulla la percezione ma, in questo caso, la rende possibile. Questa inversione fa sì che il fondamento della visibilità dell’opera diventi il principio attivo della tecnica artistica. Nella pittura di luce l'interstizio/spiraglio è la nostra commozione, lo stupore, se vogliamo, anche la paura del passaggio "vedo/non vedo" o meglio "vedo" e poi mi accorgo di presenze oltre la luce. "Il colore non esiste", esclama Raimondo Galeano, artista che conosce e studia questa tecnica, “perché in assenza di luce nessuno di sarebbe in grado di distinguerne alcuno”. In effetti, il colore non è una caratteristica fisica ma è una sensazione elaborata dal cervello quando i nostri occhi percepiscono fotoni di una certa lunghezza d'onda. Secondo la fisica, siamo noi essere umani ad avere un determinato sistema visivo, dando una percezione personale del mondo. Ne deriva che il colore è una creazione umana e la vera natura delle cose è il buio. Ogni oggetto in realtà è oscuro e non emette colore di per sé. La luce è sempre alla base di tutto. Così, imprigionando la realtà con la pittura luminescente, ci si apre un mondo sconosciuto dove le sagome prendono vita e si animano d'emozioni e sentimenti che corrono attraverso l'oscurità e rendono percepibile ciò che prima era nascosto.

Così Raimondo Galeano ha voluto coinvolgere anche altri artisti che si sono avvicinati autonomamente a queste pitture luminescenti stimolandoli all’uso di polveri di nuovissima generazione foto luminescenti e che, incuriositi e sempre alla ricerca di andare “oltre”, hanno accettato la sfida e si sono cimentati nella realizzazione di opere con l’utilizzo della luce senza, per questo, tradire la loro poetica.

Il gruppo di artisti internazionali selezionati, che vantano un percorso di rilievo nell’arte contemporanea, è composto da:

Karin Andersen, Matteo Basilé, BlueandJoy, Fabrizio Campanella, Francesco Casolari, Massimo Catalani, Marc Egger, Raimondo Galeano, Michael Gambino, Alessandro Lupi, Giorgio Lupattelli, Vincenzo Marsiglia, Luigi Mastrangelo, Luca Moscariello, Massimiliano Pelletti, Omar Ronda, Nicola Rotiroti, Veronica Santandrea, Franco Savignano, Cristiano Tassinari.

 
Siam come le lucciole, da un'idea di Raimondo Galeano e Daniela Moccaferri
 
Palazzo Gromo Losa
Corso del Piazzo, 24 - 13900 Biella 
Ingresso gratuito
Orari: sabato e domenica, dalle 16.00 alle 19.00
Telefono: +39 015 2520432
 
Museo del Territorio Biellese
Via Quintino Sella, 54B – 13900 Biella
Ingresso gratuito per tutta la durata della rassegna
Orari: mercoledì, giovedì e venerdì, dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 15 alle 18.30 - sabato e domenica, dalle 15.00 alle 18.30
Telefono: +39 015 0991868
 
 
COLOSSI ARTE CONTEMPORANEA
Corsia del Gambero, 16 
25121 Brescia
Porto Gabriele Rosa, 6 - 25049 Iseo
 
tel. +39 030 3758583 
cell. +39 338 9528261
info@colossiarte.it
Partita IVA 02650730985
 
orario di galleria: da martedì a sabato 10-12 / 15-19
domenica su appuntamento
lunedì chiuso

logo angamc